L'uomo delle stelle

Questo mese il primo post non lo dedicherò alla palette come di consueto, ma ad uno dei miei artisti preferiti in assoluto.
Ricordo ancora la prima volta che ascoltai un suo album, avrò avuto 15/16 anni, che folgorazione. Da allora è stato un sottofondo costante, una presenza imprescindibile nella mia personale colonna sonora. 


Hai cambiato pelle così tante volte da esserti reso immortale già molto tempo fa, questo è solo l'ultimo pezzo del tuo incredibile viaggio.
Che la terra ti sia lieve, Duca.




Commenti

Form for Contact Page (Do not remove)