Buen retiro estivo a Sydney

L'appartamento di cui parliamo oggi si trova a Sydney, ma è la fiera del design nordico. Si vede che al progettista, il product designer Frag Woodall prestato all'interior per l'occasione, andava così. E visti i risultati, come dargli torto.
Vediamolo nel dettaglio:



Dicevamo, molto nordico: il legno e il bianco che permeano lo spazio danno quell'inconfondibile mood scandinavo che è sinonimo di cura del dettaglio e semplicità. La parete dell'ingresso è rivestita con un perlinato posizionato in orizzontale per evitare l'allure montanara, e anche il pavimento mi sembra fatto con le stesse doghe, pero verniciate di bianco e lucidate. La cucina è essenziale ed è posizionata in una stanza lunga e stretta, quindi giustamente priva di tavolo. Non male il dettaglio del pensile in legno grezzo sulla sinistra, che è appeso tramite corde a una serie di ganci.


In salotto troviamo di nuovo lo stesso perlinato dell'ingresso, e qui in effetti l'effetto montaga è dietro l'angolo. ma si sposa molto bene col chiarore generale, quindi non risulta pesante. Gli arredi sono chiaramente vintage, il mobile basso con le ante scorrevoli è bellissimo. Io avrei dato una botta di vita con una tela colorata o una scultura appesa alla parete bianca, ma vabbè sono dettagli.


Ed ecco dov'era finito il tavolo! Voi pensate che sia vicino alla cucina, giusto perchè portare in giro pentole e piatti è scomodo, e invece:


è di fronte alla camera padronale. È una scelta progettuale incomprensibile, vai a sapere perchè l'ha messo lì.


Questa è l'altra camera, di un rigore monacale. 
E ora la stanza che mi è piaciuta di più: il bagno.



Via, foto di Terence Chin

In realtà è la stanza della vasca da bagno, perchè è molto piccola e presumo che la tazza sia altrove, ma ha degli elementi notevoli. Prima di tutto la porta: non c'è niente da dire, è bellissima. L'avrà scardinata da chissà dove e portata in casa sua, ed è stata una bella trovata incernierarla su di un supporto scorrevole. Poi la piastrellina lucida ha sempre il fascino discreto dei manicomi degli anni '20, le amo. Il soffione della doccia è vintage nella forma ma moderno nei materiali (se è metallo è una lega), e risponde alla tinta del legno di cui è rivestita la parete di fronte, very grezzo style. Mi piace molto. Il micro lavandino è incassato nel mobile contenitore che sarà stato fatto su misura a causa dello spessore ridotto tra vasca e muro.
Il tutto è semplicissimo ma di grande effetto.
Chiudo lasciandovi la palette dell'ultima immagine, che mi sembra riassuntiva di tutta la casa.
Cheers!

Via (non so da dove venga quel "bravado red" sinceramente)


Commenti

Form for Contact Page (Do not remove)